martedì 31 maggio 2011

Le prime 10.000 foto...

"Le tue prime 10.000 fotografie sono le peggiori."

Henri Cartier-Bresson

SD1: scusate, abbiamo sbagliato prezzo

Se questo tweet di Kazuto Yamaki, Chief Operating Officer di Sigma, è vero, tutto il tormentone sul prezzo della Sigma SD1 è chiaro: "scusate, avevamo tutt'altro target di prezzo in mente, ma non ce l'abbiamo fatta".

PS: Qualcuno potrebbe anche tradurre "Volevamo darvi il meglio, ed è venuta fuori una gran macchina fotografica, ma così non siamo riusciti a centrare il prezzo che ci eravamo fissati".

lunedì 30 maggio 2011

Firmware 2.0.9 per la Canon EOS 5D Mark II

Canon EOS 5D mark II
Canon ha rilasciato un aggiornamento del firmware per la EOS 5D Mark II.
La nuova versione (2.0.9) risolve i seguenti problemi:
  1. migliora le performance di lettura/scrittura con la CF cards compatibili con la modalità UDMA 7;
  2. risolve un problema di non funzionamento della stabilizzazione ottica che si verifica quando si usano lenti prive del pulsante di autofocus e la funzione personalizzata C.Fn III-2 è impostata a [5: IS start];
  3. elimina errori ortografici nei menù in lingua arba, portoghese, spagnola a tailandese.
Il nuovo firmware può essere scaricato dal sito della Canon.

sabato 28 maggio 2011

Photosynth, il nuovo giocattolo di Microsoft per i fotografi

Photosynth è il nuovo giocattolo di Microsoft che non potrà non incuriosire i fotografi.
Cosa fa di tanto speciale? Permtte di ricostruire un luogo partendo da un set di fotografie (prese anche da diversi fotografi in diversi anni), e di muoversi al suo interno, avvicinandosi per ammirare i particolari, o allontanandosi per una vista d'insieme. Insomma, un collage fotografico tridimensionale e navigabile.

Credetemi, spiegarlo è più difficile che vederlo all'opera. E per vederlo all'opera, è sufficiente cliccare qui. In questo caso, l'impiego in campo fotografico è immediatamente evidente.
Ah, dimenticavo, ovviamente è gratuito e può già essere scaricato dal sito Photosynth (c'è anche la versione per iPhone).

PS: se la vostra passione fotografica è rivolta ai panorami, dal medesimo sito potete scaricare Microsoft Image Composite Editor (ICE), software dedicato alla creazione di panorami partendo da una serie di foto.

Modellazione 3-D con Photofly di Autodesk

Notizia rubata da technology review, la rivista del ben noto MIT: Autodesk lancerà, la prossima settimana, Photofly, un software gratuito che permette di creare modelli tridimensionali di un soggetto partendo da un suo set di fotografie.
Questo software, presentato in anteprima alla TED Conference di quest'anno, ha trovato una prima applicazione in paleontologia, permettendo al team di Louise Leakey di inviare dal Kenya ai suoi collaboratori delle immagini tridimensionali dei reperti trovati. Altra destinazione "naturale" di Photofly sarà l'architettura.
E i fotografi, che se ne potranno fare? Boh! Però tra una settimana sarà possibile scaricare Photofly e provarlo, e allora, magari, qualche idea ci verrà.

Aggiornamento: Photofly può essere scaricato dal sito di Autodesk. Il progetto proseguirà fino al 31 dicembre 2012.

giovedì 26 maggio 2011

Filmic Pro, potenziare le funzioni video dell'iPhone

Schermata di iPhone con installato Filmic Pro

Philip Bloom ne è entusiasta, e tanto (devo ammetterlo) mi basta.
Filmic Pro è un'applicazione per l'iPhone che ne potenzia le capacità video (e di registrazione audio), consentendo di gestire il frame rate da 1 a 25 fotogrammi al secondo, la risoluzione, la modalità di registrazione (4:3, 16:9, e 2:35.1), l'audio, tre diverse modalità di messa a fuoco, una griglia personalizzabile.

Filmic Pro è compatibile con iPhone 3GS, iPhone 4, iPod touch (4a generazione), iPad 2 Wi-Fi e iPad 2 Wi-Fi + 3G. Richiede l’iOS 4.1. Il costo: 2,99$ (poco più di una tazzina di caffè e cornetto).

Fuori centro - Immagini dalle periferie del mondo

24 ore nelle periferie del mondo per tradurre l’identità sociale in 80 fotografie, a Roma all’Istituto Nazionale per la Grafica dal 25 maggio al 24 giugno 2011. Fotografie di Arianna Arcara, Jessica Dimmock, Alejandro Cartagena, Marina Cavazza, Simona Ghizzoni, Alexander Gronsky, Alessandro Imbriaco, Pietro Masturzo, George Osodi, Valerio Spada, Munem Wasif.

Dakar, Milano, New York, Catania, Gaza City, Roma, Dacca, e poi Ginevra, Mosca, Napoli e Monterrey in Messico. Sono queste le periferie raccontate attraverso l’obiettivo fotografico di undici giovani fotografi con lo scopo di mostrarne le diversità della vita, la molteplicità degli aspetti e dare identità sociale a spazi e forme del mondo.

Dare visibilità alla condizione umana nelle periferie del mondo: questo lo scopo della mostra e del lavoro degli 11 giovani fotografi. Immagini che catturano alcuni significativi elementi della diversità tra Paesi: in Senegal, la raccolta del sale; a Milano dove il gruppo è la nuova "famiglia"; a New York tra donne omosessuali; in Bangladesh tra le fabbriche di mattoni a cielo aperto e i palazzi in costruzione; a Gaza City dove il binomio periferia e cuore del mondo intero è più che mai reale.

"La mostra fotografica ha l’obiettivo di sensibilizzare sulla interdipendenza planetaria e sulla povertà nei Pesi dei Sud del mondo e nelle periferie di grandi metropoli, alla luce della Caritas in Veritate - spiega Sergio Marelli, Segretario Generale della FOCSIV -. E’ urgente un processo di umanizzazione, cioè la costruzione di una ‘città a misura d’uomo’. Questo sarà possibile solo se tutti ci sentiamo responsabili di tutti e cioè diveniamo cittadini del mondo attivi nella realtà locale in cui siamo inseriti ed in quella globale".

Il progetto dei reportage fotografici e la mostra sono coordinati da Renata Ferri che commenta: "L’obiettivo dei fotografi documentari è narrare. I nostri autori lo hanno fatto tutti lo stesso giorno. Una sfida che hanno accettato con entusiasmo. Perché forse sapere che contemporaneamente altri fotografi stanno facendo la stessa cosa, rende la sfida più interessante, in qualche modo epica. E epico è lo sforzo di dare dignità ad ogni condizione umana, disagiata e fiera, in miseria o nell’emarginazione. Dignità negli sguardi ritratti e nei paesaggi violati, dignità che la fotografia sa esaltare e mostrare quando è d’autore ed entra in contatto con ciò che ha di fronte. Sfida riuscita che oggi possiamo mostrare con l’orgoglio di essere stati 24 ore nelle periferie del mondo".

La mostra fotografica Fuori Centro, nelle sale dell’Istituto Nazionale per la Grafica, Palazzo Poli, Via Poli 54, dal 24 maggio 2011 fino al 24 giugno, a Roma.

Orari di apertura: dal martedì alla domenica – lunedì chiuso
dal 25 maggio al 5 giugno, dalle ore 10,00 alle ore 19,00
dal 7 giugno al 24 giugno, dalle ore 10,00 alle ore 14,00

mercoledì 25 maggio 2011

Sigma, che caos con il prezzo della Sigma SD1

Sigma, che confusione! Il prezzo della Sigma SD1, in questi primi cinque giorni dalla sua presentazione, è cambiato almeno tre volte. Ma licenziare qualcuno al vostro reparto marketing no, eh?


Vediamo di ricapitolare:

Il 20 maggio, nel comunicato stampa di presentazione della SD1, il prezzo di vendita viene fissato in 9.700$;

Uno o due giorni dopo, sul sito della Sigma la SD1 viene proposta in vendita in kit, ad un prezzo sensibilmente minore:
SD1 + 85mm F1.4 EX DG HSM: 7.819$. Il prezzo consigliato dell'ottica 85 mm è di $1.400$, quindi il solo corpo è quotato 6.419$;
SD1 + 17-50mm F2.8 EX DC OS HSM: 7.529$. In questo caso il prezzo dell'ottica è di 980$, quindi la SD1 costa 6.549$;
SD1 + 24-70mm F2.8 EX DG HSM più il 70-200mm F2.8 EX DG HSM: 8.649$. Le sole lenti valgono 3.870$, il corpo macchina (se non ho sbagliato qualche conto) 4.779$;
SD1 + 30mm F1.4 EX DG HSM: 7.359$. L'ottica costa 650$, la macchina, quindi, 6.709$.

Oggi, a cinque giorni dalla presentazione, apprendiamo da dpreview che "alla luce delle perplessità espresse sul prezzo di vendita raccomandato per la SD1, la società ha sottolineato che il corpo macchina sarà in vendita a circa 6.899$" (quasi 3.000$ in meno rispetto al prezzo fissato nel comunicato stampa).

Ovviamente, sul sito Sigma il prezzo è ancora 9.700$.

Alla fine, in questi primi cinque giorni della SD1 si è parlato parecchio, ma unicamente per il suo folle prezzo di vendita, e non per le sue caratteristiche tecniche.

Peccato, perchè se è vero che il buongiorno si vede dal mattino, la Sigma SD1 - indipendentemente dalle caratteristiche rivoluzionarie del suo sensore - non è partita con il piede giusto.

PS: Messaggio per Sigma Corporation: "Cara Sigma, sono ancora mediamente giovane, ho una laurea in economia aziendale dimenticata in qualche cassetto, e soprattutto mi piace la fotografia. Se hai bisogno di un nuovo responsabile marketing (e qualche sospetto viene), io sono disponibile."

Manuale per il ritocco fotografico con GIMP

Se intendete provare GIMP, il miglior software gratutito per l'elaborazione della fotografie che abbia avuto modo di provare, vi consiglio di scaricare anche l'ottimo manuale "Il ritocco delle immagini fotografiche con GIMP" di Maurizio Loreti. Indispensabile per ridurre il tempo di apprendimento.

Leggi anche:

Filtri grigi (ND) fai da te

I filtri grigi a densità neutra (ND, Neutral Density) sono piuttosto utili in fotografia: riducendo l'intensità della luce che arriva al sensore, permettono di utilizzare tempi di posa più lunghi (per ottenere, per esempio, effetti di movimento impossibili con tempi di posa veloci, si pensi alle classiche fotografie dove l'acqua di un ruscello sembra di seta) o di utilizzare diaframmi più aperti, se si cercano ridotte profondità di campo in presenza di illuminazioni forti.
Purtroppo, il loro costo è piuttosto alto, soprattutto al crescere del diametro dell'obiettivo.

In aiuto ci vengono, in questo caso, i negozi di ferramenta: il costo delle lenti per saldatura è nettamente inferiore a quello di un filtro ND e, a seconda del tipo, permettono di "recuperare" diversi stop. Il problema è che le lenti da saldatore non sono... a densità neutra (non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca, suvvia!). In altre parole, introducono nella foto una fastidiosa dominante colorata (verde, gialla, oro o arancio); ma questo difetto può essere facilmente eliminato (entro certi limiti) lavorando sul bilanciamento del bianco.

Utili, per chi vuole cimentarsi in questa prova, è la lettura dell'articolo "Use welding glass as 10 stop ND filter" e dei relativi commenti; se volete invece acquistare dei filtri ND e NDG (neutri graduati), può essere utile questa discussione su "Juza Nature Photography Forum", anche se un po' datata.

martedì 24 maggio 2011

I concorsi fotografici da non perdere - aggiornamento di fine maggio

Wildlife and Wild Flowers Photography Competition 2011
Scadenza: 24/06/2011 - Categorie: - Iscrizione: 3-5£ - Note: 1° premio: Canon D7 Kit, Lowepro dslr rucksack, 8gb Sandisk sdhc memory card; 2° premio: Canon 550D Kit, 8gb Sandisk sdhc memory card; 3° premio: Lowepro dslr rucksack, 16gb Sandisk sdhc memory card

Intrepid Photography Competition
Scadenza: 30/06/2011 - Categorie: Real Life Experience, Travelling Families and Local Friends, Icons and Landscapes - Iscrizione: Gratuita - Note: Max 4 fotografie per categoria, per persona, per mese.

2011 National Geographic Traveler Photo Contest (N.B.: vi segnalo il sito senza link perchè google rileva la presenza di malware)
Scadenza: 11/07/2011 - Categorie: Travel Portraits, Outdoor Scenes, Sense of Place, Spontaneous Moments - Iscrizione: $15 per foto ($25 dopo il 28 giugno) - Note: Fourteen-day expedition for two to the British and Irish Isles aboard the National Geographic Explorer

Landscape Photo Competition
Scadenza: 31/07/2011 - Categorie: - Iscrizione: Gratuita - Note: 1° premio: Canon EOS 60D

Travel Photographer of the Year (TPOY)
Scadenza: 9/10/2011 - Categorie: Four Portfolio categories (Cultures & Traditions, Natural Elements, Exotic and Spirit of Adventure); two single image categories, - One Shot and First Shot; the New Talent category; the Young Travel Photographer of the Year award (with two different age groups) and the Travel Photographer of the Year award. - Iscrizione: A partire da 10£ - Note:

Global Photo Awards
Scadenza: 1/11/2011 - Categorie: Abstract, Advertising, Fashion, Fantasy, Landscape, Wildlife, People & Travel, Students, Sport, Still Life - Iscrizione: 1=$15, 2=$25, 4=$40, 5=$90 - Note: Nessuna

International Garden Photographer of the Year
Scadenza: 30/11/2011 - Categorie: The Beauty of Plants - Beautiful Gardens - Wildlife Havens - Breathing Spaces - Fragile Landscapes - Trees, woods and forests - Greening the City - Iscrizione: Da 10 £ - Note: Premio: 5000 £

lunedì 23 maggio 2011

Bottiglie, papaveri e polaroid

Fotografia polaroid di papavero

Fotografia polaroid di bottiglie di vino

Poladroid sta diventanto una piccola, piacevole mania.

Vuoi vincere una Fuji Finepix X100?

Bando alle ciance e andiamo dritti al nocciolo della questione: Photo Rumors e Adorama mettono in palio una Fuji Finepix X100, prodotto che ha conquistato il cuore di molti appassionati di fotografia sin dalla sua presentazione al Photokina.

Per partecipare all'estrazione è necessario (o è sufficiente, a seconda dei punti di vista) avere un account su Facebook o su Twitter e leggersi le semplici istruzioni su questo post.
Il concorso è aperto a tutti.

Prime fotografie con la Sigma SD1

Le prime fotografie, disponibili on-line, scattate con la nuova ed esclusiva (almeno per il prezzo) Sigma SD1 mostrano, come promesso dal costruttore, una quantità impressionante di dettagli.
Resta la curiosità di sapere come si sarebbe comportata una macchina fotografica Canon o Nikon "top di gamma", con sensore Bayer, nelle medesime condizioni.

Per farvi un'idea, andate sul sito dedicato alla Sigma SD-1.

domenica 22 maggio 2011

La Corea del Nord filmata di nascosto

E' uno splendido doumentario sulla Corea del Nord girato interamento di nascosto, con la Canon EOS 5D mark II che penzolava dal collo ed il monitor oscurato con del nastro adesivo nero.

Gitato "alla cieca", montato bene, merita 10' di attenzione. L'autore è il fotografo Steve Gong.

Pyongyang Style from Steve Gong on Vimeo.

venerdì 20 maggio 2011

Il prezzo della Sigma SD1

Vi avevo anticipato la possibilità che la tanto attesa (nel senso di "attesa da tanto tempo") Sigma SD1 fosse presentata entro la fine di giugno.

Questa notizia è stata confermata oggi da un comunicato stampa di Sigma, che annuncia la disponibilità della SD1 a partire da giugno, al prezzo di 9.770$. Sì, avete letto bene, non è un errore di stampa; al cambio fanno quasi 6.800€.

A quel prezzo potete acquistare qualsiasi altra fotocamera professionale (non medioformato) che vi venga in mente. Tanto per fare un esempio, oggi trovo la Canon EOS-1D MARK IV in vendita a 4.350 euro, il solo corpo; la Leica M9 a 5.500 euro; la Nikon D3x a 6.600 euro.

Non lo so: o la SD1 è veramente stratosferica, e convincerà molti professionisti ad abbandonare il loro corredo fotografico, oppure sarà un immenso flop (terza opzione: il prezzo comunicato è errato, ma al momento non ci sono state rettifiche).

PS: sono andato a rivedermi i commenti apparsi su diversi siti di fotografia in settembre, al momento della prima resentazione della SD1. Tutti ipotizzavano che la Sigma SD1 si sarebbe collocata nella fascia di prezzo della Canon EOS 7D, attorno ai 1.500-1.700 dollari. DWS, ad esempio, aveva riferito che «Mark Amir-Hamzeh, general manager of Sigma Corporation of America, the firm’s US group, promised a “very competitive” price – in the region of Canon’s EOS 7D».

lunedì 16 maggio 2011

Il segreto (?) del successo

«Essere un riferimento: questo è l'obiettivo, se non siamo pronti dobbiamo imparare ad esserlo; quando impariamo possiamo prendere il volo.»
(L. Pianigiani, Jumper, E' arrivata l'ora di buttare via il vostro sito web?)

venerdì 13 maggio 2011

Maciej Duczynski, il paesaggio in bianco e nero

Non c'è molto da dire, se non che quello di Maciej Duczynski (alias Lonelywolf2) è un bianco e nero fantastico.

(oggi, invece di postare, twitto!)

Queste foto non le capisco (iv)

Fotografia di donna sdraita sul pavimento
Quella che vedete qui sopra è una foto di Cindy Sherman ("artista, fotografa e regista statunitense ... conosciuta per i suoi autoritratti concettuali", recita Wikipedia), "Untitled #96", acquistata ad un asta per 3,89 milioni di dollari (3.890.000 $!).

Ora, non è per fare polemica, ma perchè le sue valgono 4 milioni di dollari e le mie no? :)


Vedi anche:
(ma l'elenco potrebbe essere ben più lungo)

Sigma SD1 in arrivo a giugno

Fotografia della Sigma SD1
Della Sigma SD1 non si hanno più notizie da tempo, tanto meno si hanno informazioni sulla sua possibile data di uscita.
Però... c'è un però.

Sigma festeggia, quest'anno, i cinquant'anni di attività. Per festeggiare, Sigma US ha indetto un concorso, mettendo in palio - ogni mese - un premio. E il premio per il bimestre aprile-maggio è, guarda un po', una Sigma SD1 (no, purtroppo noi italiani non possiamo partecipare, ho già verificato). Il vincitore sarà annunciato il primo di giugno, ed il premio sarà recapitato entro trenta giorni.

In altre parole, è plausibile che la Sigma SD1 faccia la sua comparsa sul mercato americano entro, al massimo, la fine di giugno.


Leggi anche:

giovedì 12 maggio 2011

Primi scatti e impressioni della Panasonic G3

Fotografia della Panasonic G3
Come anticipato questa notte, alle 8 di mattina è stata presentata la nuova Panasonic Lumix DMC-G3.

Dal mio punto di vista con il post precedente avevo già detto abbastanza su questo nuovo modello, ma torno a parlarne perchè le sue dimensioni mi hanno veramente stupito. E' vero che, per arrivare a tanto, si deve sacrificare il pentaprisma per un meno entusiasmante mirino ottico, ma questa mi sembra - al momento - l'unica vera rinuncia.

Le caratteristiche della Panasonic G3, infatti, per il resto sono di primo livello:
  • sensore da 15.8 megapixel effettivi (sono tanti, ve l'assicuro);
  • schermo articolato da 3 pollici con funzione touch-control;
  • sequenza da 4 scatti al secondo, che può arrivare fino a 20 riducendo la qualità dell'immagine;
  • moalità video full-HD (1920 x 1080 @ 60 frame per secondo*)
  • sensibilità da 160 a 6400 ISO
  • dimensioni e peso, come detto, veramente contenute (115 mm x 84 mm x 47 mm per 336 grammi il solo corpo).
E anche il prezzo, un centesimo in meno di 700 dollari per il kit con il 14-42mm, è interessante (se, poi, applicassero il vero rapporto di cambio tra dollari ed euro per noi sarebbe fantastico).

Dalle prime fotografie disponibili la qualità dell'immagine sembra buona, anche al crescere degli ISO. Su internet sono già disponibili diverse anteprime piuttosto approfondite. Vi segnalo, tra tutte, il solito dpreview e photographyblog.

* l'output effettivo è di 30 fps.

Fotografata la Panasonic G3

Tra qualche ora la Panasonic dovrebbe presentare ufficialmente la nuova G3. In assoluta anteprima, grazie ai ragazzi di 43 Rumors, possiamo anticiparne una fotografia.
Fotografia della Panasonic G3

La Panasonic G3 dovrebbe:
  • essere più piccola del 25% della Panasonic G2;
  • avere un sensore da 15.8 Mpixel;
  • poter registrare video in FullHD;
  • avere una sensibilità fino a 6400 ISO;
  • essere dotata di schermo LCD articolato da 3 pollici;
  • essere in vendita, a partire da luglio negli USA, a circa 650$.

Queste sono tutte ipotesi, tra poche ore sapremo quante di queste sono corrette.

martedì 10 maggio 2011

Il ritratto in fotografia (v)

Ci sono ritratti fotografici belli da vedere, perchè:

Imparare a fotografare con un simulatore virtuale

Un simulatore on-line per imparare a usare i comandi della reflex.

Con i simulatori, oramai, si fa quasi tutto: i piloti imparano a pilotare gli aerei, gli astronauti provano le operazioni che dovranno effettuare in orbita... potevano i fotografi, o gli aspiranti fotografi, essere da meno? Ovviamente no.
E così ecco arrivare "SLR Camera Simulator", un simulatore per prendere mano con le funzionalità di una reflex, permettendo di vedere - su di una foto - i risultati che derivano dalla modifica di un parametro (lunghezza focale, diaframma, tempo di scatto, impostazione ISO, distanza dal soggetto, condizioni di luce).

Se ne sentiva la mancanza? A mio parere, onestamente, no. Non nell'epoca della fotografia digitale, almeno, quando è possibile vedere immediatamente gli effetti del cambiamento di uno o più parametri. Ancora meno se si tiene a mente che la fotografia è, almeno per i fotoamatori che non hanno esigenze di bilancio, essenzialmente un'attività creativa.

sabato 7 maggio 2011

Canon Technicolor "CineStyle" DSLR Picture Profile

Chi utilizza la Canon EOS 7D (o 5d mark II) anche per girare video, può scaricare gratuitamente il picture profile Technicolor CineStyle™, che promette di migliorare il range dinamico dell'immagine. Ne parla anche Vincent Laforet, ma non mi sembra che il suo intervento aggiunga chissà quali informazioni.

La Canon EOS 7D? Meglio ai multipli di 160 ISO

Per un po' è girata sul web la notizia che sulla Canon EOS 7D si potesse contenere (ulteriormente) il rumore impostando sensibilità ISO multiple di 160 ISO.
Impostazione della sensibilità ISo sulla canon eos 7d
Un test effettuato per la modalità video avrebbe confermato che il rumore più basso si avrebbe a ISO 160, seguito da (in ordine crescente di rumore) ISO 320, 640 (!), 100, 200, 400, 800, 1250, 125, 250, 500, 1000, 1600, 2500, 2000, 3200, 4000, 5000, 6400.

L'informazione si è poi un po' impasticciata intorno al concetto di "ISO nativo", e non ha avuto seguito. Ma vale sempre la pena provare (anche solo per acquisire sempre maggiore confidenza con quel gioiellino che è la Canon EOS 7D)

Capture, un'idea di Peak Design

Un'idea innovativa per avere la reflex digitale sempre a portata di mano. Per scoprire di cosa si tratta, vi rimando al video.

venerdì 6 maggio 2011

Samyang 14mm f/2.8 IF ED UMC Aspherical

Presentazione
Ottica grandangolare (14 mm) luminosa disponibile con attacchi Canon, Nikon, Pentax, Sony Alpha.
Adatta sia a macchine fotografiche con sensore full frame, sia formato APS-C e DX.
La lunghezza focale equivalente è pari a 22 mm per il formato APS-C della Canon EOS 7D.
La messa a fuoco è solo manuale.

Caratteristiche tecniche
Apertura massima - minima: f/2.8 - f/22
Distanza minima di messa a fuoco: 28 cm
Diametro dei filtri: n.a.
Costruzione: 14 elementi in 12 gruppi ottici; 1 lente asferica
Dimensioni (larg. x lung.): n.a.
Peso: 555 grammi
Macro: no

Prezzo
n.a.

Garanzia
n.a.

Sul sito del produttore
Presentazione dell'obiettivo

Prove
lenstip.com
photozone

Galleria di foto
Samyang
lenstip.com

Samyang 35mm f/1.4 AS UMC (Rokinon 35mm f/1.4)

Fotografia dell'obiettivo grandangolare Samyang 35mm f/1.4 AS UMC
Presentazione
Ottica 35 mm molto luminosa disponibile con attacchi Canon, Nikon, Pentax, Samsung NX, Sony Alpha, 4:3.
Adatta sia a macchine fotografiche con sensore full frame, sia formato APS-C, DX, 4:3.
La lunghezza focale equivalente è pari a 59 mm per il formato APS-C, 52 mm per il formato DX.
La messa a fuoco è solo manuale.
Sul barilotto è riportata la scala della profondità di campo.
Questa stessa ottica la trovate in vendita anche con il marchio Rokinon, e costa pure un centinaio di dollari in meno.

Caratteristiche tecniche
Apertura massima - minima: f/1.4 - f/22
Distanza minima di messa a fuoco: 30 cm
Diametro dei filtri: 77mm
Costruzione: 12 elementi in 10 gruppi; 2 lenti ad alto indice di rifrazione; 1 lente asferica
Dimensioni (larg. x lung.): 83 mm x 111.5mm (Canon)
Peso: 660g (canon)

Prezzo
Attacco Canon: 399 euro
Attacco Nikon AE: 419 euro

Garanzia
3 anni

il parere di...
Philip Bloom, videomaker: «A really nice “budget” manual focus (and on lens aperture!) 35mm F1.4 lens».
Didier Hartong, videomaker: «Beautiful bokeh, very (!) sharp from 1.4 and up, little vignetting!».

Sul sito del produttore
Presentazione dell'obiettivo

Prove
lenstip.com
kurtmunger.com

Foto
nd

giovedì 5 maggio 2011

Le foto del World Press Photo 2011 a Roma

Il Museo di Roma in Trastevere ospita, dal 29 aprile al 22 maggio, le fotografie premiate al World Press Photo 2011.

«La Foto dell'anno 2010 è della sudafricana Jodie Bibier. L'immagine ritrae Bibi Aisha, una ragazza diciottenne dalla provincia Oruzgan in Afghanistan fuggita via dal marito violento per tornare dalla sua famiglia. Il talebano l'ha poi rapita per consegnarla alla giustizia. Una volta pronunciato il verdetto da parte di un comandante talebano, mentre il cognato di Bibi la teneva, suo marito le amputava le orecchie e il naso. Abbandonata in queste condizioni, Bibi è stata poi salvata e aiutata dai soldati americani. Dopo aver trascorso un breve periodo in un rifugio per donne a Kabul, è stata condotta in America, dove ha ottenuto sostegno psicologico e dove ha effettuato un'operazione di chirurgia plastica. Bibi Aisha ora vive negli Stati Uniti. ... Il presidente della giuria David Burnett ha così commentato la foto vincitrice: "Questa potrebbe diventare una di quelle fotografie – e ne abbiamo forse solo dieci nella nostra vita – dove se qualcuno dicesse "sai, quell'immagine di una ragazza...", tu sapresti perfettamente di quale foto stia parlando."»

Personalmente, non sono un fanatico della fotografia vincitrice. Ma, come qualsiasi decisione, è inevitabile che soddisfi alcuni e deluda altri. Visitare la mostra è, invece, il pretesto per abbandonare le nostre comode sicurezze e dare un'occhiata al mondo, a quello vero. L'occasione per riflettere sulla botta di fortuna che ci ha fatto nascere in questa minoranza fortunata che può alzarsi ogni mattina per dedicarsi alla noiosa routine quotidiana, senza temere stupri, guerre, fame, malattia... (e le parole di Reza Deghati mi ronzano in mente).
E, per fortuna, ci sono poi le sezioni dedicate alla natura (poetiche le immagini dell'italiano Stefano Unterthiner) allo sport, al ritratto (se escludiamo la fotografia vincitrice), all'arte e intrattenimento (bellissima la galleria di Amit Madheshiya dedicata ai cinema mobili in India) pe risollevarsi un po'.

Nota patriottica, i fotografi italiani e di cui essere orgogliosi premiati sono otto: Riccardo Venturi e Massimo Berruti nella sezione "notizie generali", Marco Di Lauro e Ivo Saglietti per le "storie d'attualità", Davide Monteleone, Daniele Tamagni e Fabio Cuttica per l' "arte e spettacolo" e il già citato Stefano Unterthiner nella sezione natura.

Info su orari e prezzi sul sito del museo.

Poladroid, le mie prime tre foto in stile Polaroid



Poladroid, le polaroid nell'era digitale

Sto installando Poladroid... vediamo un po' come funziona.
Nei prossimi giorni i primi risultati.

No, non c'è l'ho fatta ad aspettare. Si scarica in pochi minuti, e si installa facilmente.
Usarlo è ancora più facile: si trascina la foto che si vuole elaborare sulla "Polaroid" e... si aspetta che la foto si sviluppi! Sì, proprio come accade con le vere Polaroid: l'immagine emerge lentamente, ed è pronta solo dopo qualche minuto.
Forte!

Qui le mie prime tre foto.

mercoledì 4 maggio 2011

Blocco dello specchio, sì o no?

Serve davvero bloccare lo specchio?
Anche quando la macchina è su cavalletto e si scatta con un telecomando? Non è un po' eccessivo?

I ragazzi di camera technica hanno voluto fare una prova, ed hanno fissato un puntatore laser ad una Canon EOS 7D. E poi hanno scattato.
Prima a mano libera, poi mettendo la macchina su cavalletto, con e senza il blocco dello specchio. E il video della prova non lascia spazio a discussioni: quando si può usare il cavalletto e se si devono impostare tempi lunghi, l'uso della funzione di blocco dello specchio elimina molte (ma molte) vibrazioni.

La fotografia è l'arte dell'osservazione

«Spesso si legge che la fotografia è l'arte di scrivere con la luce, ma la mia esperienza mi ha insegnato che la fotografia è anzitutto l'arte dell'osservazione. Osservazione di luci ed ombre, di colori e trame, di schemi e forme, e ovviamente del soggetto.»

(Jim M. Goldstein, Photography An Art of Observation)

martedì 3 maggio 2011

Workshop di macrofotografia tra le rose di Castello Quistini

Se date un'occhiata alle mie fotografie capite immediatamente che questo comunicato stampa lo pubblico per una profonda simpatia personale.
Il tema è un "Workshop di Macrofotografia tra le rose di Castello Quistini" che si terrà nella giornata di domenica 22 maggio al Castello Quistini (Rovato, Brescia).

L'istruttore sarà il fotografo professionista Nikon Giorgio Baruffi, la location, come detto, il Castello Quistini che, con oltre 1500 varietà di rose, offre sicuramente più di un'occasione agli appassionati della macrofotografia di fiori.

Nel corso della giornata verranno affrontati i fondamenti della macrofotografia, come conoscere e saper sfruttare le caratteristiche dei propri obiettivi, apprendere le migliori tecniche di composizione, l'utilizzo del cavalletto e della corretta esposizione e, a conclusione del workshop, visione e commento delle fotografie realizzate e sessione di editing (fotoritocco) ad opera dell'istruttore.

Il costo è piuttosto contenuto (90 euro compreso il pranzo).
Se vi interessa potete iscrivervi (o avere tutte le informazioni desiderate) qui; e se partecipate, lasciate un commento per raccontarmi come è andata (io abito a Roma, e la vedo piuttosto dura partecipare).